firstday-28-1024x683

Mi alzo presto, sono circa le 5.30. Il fuso orario è ancora in agguato.

Scrivo il pezzo #3 e bevo qualche caffè. Il tempo a disposizione è sempre poco e alle 9 dobbiamo essere già in partenza. Ci aspettano una seggiovia e circa 30 minuti di pedalata, quindi alle 7.30 siamo già ai paddock.

Il tempo è bello e i percorsi asciutti. Salgo con Alex e chiacchieriamo un pò. Sono ansioso di fare questa “fucking” PS3a perché non sarà divertente, almeno per me.

Abbiamo il tempo di salire e iniziano a partire. Tocca a me. Come sempre bacio la fede, penso ai miei bimbi, a Mara e alle persone care che non ci sono più e che spero mi guardino da lassù.

Dopo qualche curva inizia il calvario. Ho una sensazione di smarrimento. Non ci trovo alcun divertimento a pedalare in falsopiano in salita per alcuni minuti su un terreno pieno di pietre e radici. Non puoi stare in piedi, almeno io, perché dopo 100mt sarei finito. Non puoi stare seduto perchè sobbalzi continuamente sulla sella. Quindi? Direte voi… sto un pò in piedi e un po’ seduto, per cause di forza maggiore.

PIT_0780-1024x683

A metà percorso c’è una parte guidata in pietraia. Non è facile, e arrivandoci impiccati scendo davvero come un principiante. Ho visto questo percorso una sola volta, come tutti gli altri più o meno, ma non sono bravo ad andare a vista, forse non mi piace assumermi tutti i rischi che questo implica se vuoi andare forte senza sapere dove mettere le ruote e quindi non riesco a prendere a guidare come vorrei.

Tutto insieme faccio una discesa pessima. Sono lento, stanco e mi faccio superare almeno da un paio di persone dietro di me. Ho una brutta sensazione e mi domando: come può essere che si possa guidare e andare in modi così diversi. Sono sempre io, so come posso guidare e sicuramente non è quello che ho appena fatto.

Sono un pò giù di morale… non mi sono divertito e mi sono sentito davvero un incapace.

Partiamo per la risalita. Lars ha rotto un disco, come molti altri su questa PS, e sposta il posteriore all’anteriore. Farà la PS3b con il solo freno posteriore e mi rifilerà pure 15 secondi… (no comment)

PIT_0686-1024x683

La PS3b non è un granché nemmeno lei ma almeno mi diverto e guido bene. Nel guidato sono sicuro di aver fatto bene ma evidentemente, per quanto mi sia impegnato, nel pedalato non sono stato abbastanza incisivo e anche qui non vado oltre un risultato mediocre, intorno alla 60-70esima posizione.

firstday-27-1024x695

Ci fermiamo per pranzo e cerco di riordinare le idee, capire come è possibile che in certe gare io e altri miei compagni italiani abbiamo girato come i più forti del mondo e qui prendo 3 minuti su una speciale.

E non voglio sentire storie sul quanto si prova perché anche loro provano a sufficienza quando vengono da noi…. e comunque il divario qui è davvero enorme.

Per quanto mi riguarda la risposta la conosco ed è legata a doppia mandata con la preparazione atletica in prima battuta.

In seconda battuta il fatto che girando praticamente tutto l’anno, tutti i giorni questi atleti affrontano una varietà di terreni, passaggi e situazioni talmente più vasta di quella di un rider medio che riescono velocemente a trovare il feeling che serve per andare forte.

Confrontarsi a questo livello richiede una preparazione da professionisti, che implica ritmi di vita da professionisti. PUNTO.

Vado a pranzo e cerco di distrarmi. Il pomeriggio ci attende la PS4.

Nel frattempo vado a prendere un caffè con Damien Otton, Simon Andrè e la Chausson. Facciamo una bella chiacchierata e siamo piuttosto tutti d’accordo che fino ad ora la gara più bella è stata Punta Ala, seguita da Val D’Allos dove io non ero presente. A nessuno è piaciuta 2Alpes e a tutti questa di Colorado lascia perplessi… con speciali di XC seguite da speciali in bike park con salti da 4X.

PIT_0651-1024x682

Paddock con Lars Sternberg, Mark Weir e Ben Cruz

Finalmente proprio mentre sto chiacchierando con Chris Ball, arriva la notizia in cui tutti speravamo. Dopo essere stata rimandata per oltre 2 ore, la PS4 è stata cancellata. Wow!!

Meno cross country, enduro per tutti !

Partiamo per andare a girare un pò e provare la PS5 dell’indomani. Sarà una lunga PS con una parte alta piuttosto pedalata, una centrale che riprende in parte la tecnica PS1 e una finale con una divertente linea di salti, di cui uno un bel doppio di almeno 10 metri.

firstday-29-1024x683

Salgo con Pietro a fare due foto e per la prima volta nel week end assaporo davvero il piacere di guidare che è la cosa che ancora mi appassiona dell’andare in bici. Fermarsi a guardare un passaggio, scoprire una linea, un pò come uno scultore che guardando un pezzo di legno può immaginarsi la scultura che già esiste, lui deve solo liberarla dell’inutile intorno.

Mi fermo su una pietraia e c’è anche Nico Vouilloz. Guardiamo la linea e lui come da manuale ne vede una veramente valida. Lascio che la provi e poi la provo anche io.

Vedere quello che altri non vedono, rendere facile un passaggio apparentemente difficile, è una delle cose che mi soddisfa di più e mi carica di entusiasmo.

firstday-28-1024x683

Torniamo verso casa con Papa Bruno alla guida del Raptor. Che spettacolo ragazzi. Ne voglio uno!!! peccato che in Italia non potresti mai permettertelo…ma è una roba pazzesca, ti senti davvero potente là sopra!

Foto-25-07-13-20-39-47-1024x764

Ottima bistecca e qualche birra con video dei FMX Red Bull X-Fighter… this is America!

Foto-27-07-13-19-04-291-1024x764

A casa ho il tempo di vedere due cose sul PC e poi mi metto giù perchè non ne posso più. Pietro crolla, pc aperto e non c’è verso di svegliarlo. Come con miei bambini a casa gli sistemo il computer sulla scrivania e gli rimbocco le coperte ;-)

A domani

AB

Commenta su Facebook

comments