ancillotti_2017_scarab_evo

C’era una volta un’Ancillotti Scarab, aveva un motore, due ruote, parti in metallo e qualcuna in plastica e aveva avuto un grande successo tra gli anni ’60 e ’80. I campi di gara d’Italia ed Europa erano i luoghi dove evolveva e affinava le proprie caratteristiche. Era un mezzo fatto per le gare e da queste ispirato, come tutti i prodotti Ancillotti da sempre. Poi, dall’estremo oriente, iniziarono ad arrivare un sacco di moto con più plastica e meno costo e quindi la Scarab non ci fu più.

ancillotti_scarab_moto_anni_60

Negli anni ’90 la casa Ancillotti, di italianissime origini toscane, si reinventa nel neonato mondo delle mountain bike e, piazzandoci anche un erede a correre qua e là, esordisce nel mondo della discesa. La Scarab rinasce, sempre con due ruote, in metallo ma stavolta senza motore. Ha anche il pull shock, un sistema di ammortizzazione (oggi adottato da tutti i produttori di moto) che gli Ancillotti hanno brevettato nel 1980 e che hanno rivisto, perchè no, anche per i loro telai da downhill.

ancillo-protipo-92

Nel 1991, a parte linee e tubazioni, si parte con la solida base di un sistema che ancora oggi è il cavallo di battaglia del marchio italiano. Un marchio piccolo, artigianale, che dimostra come le cose fatte bene durano ben oltre gli stravoglimenti o le ‘innovazioni’ che altri invece cercano di proporre quasi ogni anno.

Anche se la Scarab ri-esordisce come telaio da discesa, col passare del tempo diventa una versione più light, da pedalare, ma anche da tirare sui rocamboleschi percorsi da 4X. Ecco quindi, nel primo decennio degli anni 2000 una Scarab 4X.

ancillotti_scarab_fr_4x

Poi evolve il mercato della moutain bike, arrivano nuove ruote e nuove discipline, e gli Ancillotti sono innamorati della discesa. Mettono a punto il loro telaio, fin qui, definitivo da discesa, il DHY e esordiscono con un telaio da 180mm di escursione posteriore da enduro, evoluzione di quello che un tempo fu il freeride, il FRY. Di entrambe potete trovare info nei tempi che furono).

ancillotti_2017_scarab_prototipo_leveraggi

Due anni fa si rimettono le mani sul progetto Scarab. Telaio che rimane più leggero, magari si aumenta un po’ l’escursione (da 140 a 160mm) e si riparte dai leveraggi più o meno come e sostanzialmente dove ce li aveva la ‘vecchia’ versione degli anni 2000.

ancillotti_2017_scarab_prototipo

Lo Scarab è quindi un prototipo per ruote da 27,5 pollici che preparato grezzo, somiglia a questo… ma c’è qualcosa che non soddisfa al 100% Tomaso, l’erede di casa Ancillotti e un tempo corridore di piste da discesa. L’ispirazione e le successive migliorie, come sempre, vengono dai campi gara che dal motocross sono diventati quelli della downhill per arrivare fino all’enduro.

ancillotti_2017_evoluzione_leveraggi_scarab_evo

Si lavora smanacciando sui vari componenti manco fosse pongo. E’ metallo si sa, ma la saldatrice è uno strumento del mestiere e fa magicamente evolvere le cose per poi arrivare alla lavorazione del pezzo unico, in questo caso non saldato.

ancillotti_2017_scarab_evo_evoluzione

Si arriva questo punto a un leveraggio che si sposta davanti al movimento centrale. Prima era dietro, ma ora si sposta perchè ‘funziona meglio e comunque con le ruote nuove non lasciava tanto spazio’ (cit. Tomaso Ancillotti).

ancillotti_2017_regolazione_scarab_evo

E c’è anche una cosa nuova. Aiuta ad alzare/abbassare il carro e quindi a modificare, di fino finissimo, anche l’angolo sterzo.

ancillotti_2017_regolazione_scarab_evo_motocross_1984

Oddio, la fervida mente ancillottiana aveva già adottato la soluzione ormai 30 anni e passa sulle moto da cross, ma siccome funzionava bene perchè non riportarla anche sulla evoluzione della Scarab, ovvero la Scarab Evo?

ancillotti_2017_motocross_1984

Tant’è…

Si arriva quindi non ad una sola Scarab, bensì a due: una versione da 27,5, obbligata da quelli che sono i nuovi standard di mercato in fatto di ruote, e una versione da 29 pollici, perchè Alberto Ancillotti dai primordi ha sempre sostenuto i vantaggi di una ruota di maggiore diametro rispetto ad un piccola.

ancillotti_2017_scarab_evo_27_5

Nel 2017, quindi, il marchio toscano raddoppia il numero di telaio in offerta per non lasciare insoddisfatti i gusti di nessuno.

ancillotti_2017_scarab_evo_29

Come va questa Ancillotti da 29 pollici? Il seguito la prossima puntata…

Commenta su Facebook

comments