italiani_downhill_champoluc_2014_marco_milivinti

Purtroppo è stato un weekend di gara sfortunato per Marco Milivinti quello del campionato italiano downhill. Durante la sua run finale e in seguito alla caduta del rider che lo precedeva gli è stata sventolata una bandiera. Non è chiaro il perchè di questa bandiera, ma Marco pensando di dover rallentare per evitare di finire addosso al rider caduto, è sceso fiducioso di poter ridisputare la sua run.

italiani_downhill_champoluc_2014_marco_milivinti

All’arrivo i giudici non glielo hanno permesso, nonostante la volontà unanime anche degli organizzatori e degli altri rider. E’ riuscito a risalire e scendere lungo il percorso, ma il suo tempo non è stato tenuto in considerazione.

Marco Milivinti e i Campionati Italiani Downhill di Champoluc from WeekendWheels on Vimeo.

Un epilogo amaro per un rider che crede e ama quello che fa. Uno dei pochi a cui è immediato vedere come brillano gli occhi quando è in bici, quando corre, quando vince, ma anche quando perde.
Marco, è andata così, ma sappiamo che questo ti farà andare ancora più a manetta!

Di tutta questa faccenda, credo sia giusto che se ci sono delle regole debbano essere rispettate. Allo stesso tempo sono convinto che l’eccezione che conferma la regola si applichi perfettamente a questo caso.

Non sono interessato al chi, al perchè o al per come ci sia stato qualcuno, più o meno in dovere di farlo, che abbia sventolato una bandiera. So che Marco, in piena run di gara, con una bandiera sventolata e con un rider, un compagno di avventure, uno come lui per terra, ha tirato il freno e so e capisco perchè lo ha fatto. Al di là di ogni regolamento.

In quei momenti, chi ha fatto una gara di discesa sa che sei concentrato sulla pista, sulle linee. Sei tu, la bici e la pista. Ma in questi momenti basta un qualunque elemento di disturbo, e in questo caso una bandiera, non un piccione che ti passa davanti o un trombetta, per deconcentrarti e farti fermare. Probabilmente chi ha deciso, di fatto, di farlo fuori dalla gara, tutte queste cose non le sa, oppure non gliene frega molto. Peccato, in entrambi i casi.

Commenta su Facebook

comments