10397044_10203416683052222_1218412466129369913_o

Spesso chiamo il capitano e mio compagno di squadra, Bruno Becchi, non per il suo ruolo, ma perché è un amico e mi piace allenarmi con lui: a sto giro gli chiedo cosa farà per il fine settimana e mi dice che parteciperà alla Superenduro EXperience#6 di Premilcuore ed io subito gli dico: “ma hai visto il meteo per il weekend?? Pioggia e temporali!!”.
Comunque decido di partecipare anch’io, probabilmente troverò quelle condizioni di fango che molte volte mi hanno creato problemi in passato e nelle quali devo migliorare…sul fango non ho molta sensibilità e quando non ho un perfetto controllo del mezzo di solito mi attacco ai freni, peggiorando la situazione.
Sabato mattina arrivo a Premilcuore e le condizioni meteo sono buone, non piove: ha piovuto la sera prima, ma ora si intravede anche qualche raggio di sole… speriamo che il tempo regga! Intanto incontro Faggia (Andre Pirazzoli), capitan Becchi e Tardini ed insieme decidiamo di provare il percorso utilizzando il furgone come risalita, con il buon Livido (Giuseppe Lividini) come autista…purtroppo lui si è infortunato a un dito qualche settimana fa cercando di starmi dietro, non ha capito che è vecchio!
Anche se relativamente vicino a casa, non vengo mai a girare in questi posti e li trovo a livello paesaggistico molto belli. Arriviamo all’inizio di ps1 che, nonostante la risalita meccanizzata, necessita comunque di una pedalata di 20 minuti per essere raggiunta.
Il “ CUCCO” la trovo molto veloce, con tanti tornanti stretti che mi mettono in difficoltà, mi devo fermare completamente per girare e rilanciare la bici, cosa non molto tecnica…la ps2 “Il Pistino”, invece, è molto più scorrevole e secondo il mio parere molto divertente con salti, tornanti tecnici e sezioni di curve veloci.
Fortunatamente il meteo ha retto per tutta la giornata ed un sole splendente ha asciugato completante il tracciato dalla pioggia della sera prima.
Domenica mattina, sperando che il meteo si sbagli di nuovo e non piova, monto una gomma posteriore scorrevole e mi dimentico di prendere su i copertoni per il bagnato…mentre sono per strada Michele Tardini mi chiama e ovviamente mi da una bella notizia: dice che stava diluviando! Evvai oggi ci divertiamo con l’Ardent dietro!!
Faccio l’iscrizione e decido di fare una prova di ricognizione prima di partire, per valutare le condizioni del terreno: faccio la ps2 e dopo 10 metri mi accorgo che il terreno è molto scivoloso, non si sta in piedi…alla prima staccata mi gioco il primo jolly e mi dico: “stai sereno oggi è viscido”…non finisco di dirlo che vado a terra e inizio a scivolare, sembrava sapone! Mi rialzo tutto bagnato e riparto, arrivo nei tornati ripidi e via di culo…finisco la speciale e arrivo al furgone tutto sporco e con qualche dubbio sulla scelta della gomma (!), così vado al bar e prendo un caffè per schiarire le idee prima di partire .
Parto per la gara e mentre affronto la prima salita faccio mente locale sulle cadute che non devo assolutamente ripetere e di come potrei affrontare le ps (non l’ho fatto al bar perché la barista meritava…). Arrivato in cima faccio i miei soliti riti prima di partire concentrandomi…si parte! Pedalo a tutta il primo tratto in salita e quando entro nel primo bosco inizio a sentire la bici instabile che va a destra e sinistra, ma con qualche jolly ogni tanto riesco ad affrontare il tracciato abbastanza bene fino quando la mascherina si sporca completamente…cerco di pulirla con un dito (non fatelo mai, è peggio) rischiando di andare nel fosso, ma finisco comunque la speciale nonostante la visibilità limitata…vedevo solo mezzo sentiero! Comunque nonostante tutto faccio il miglior tempo assoluto.

10443183_10203416677852092_6338154015950952540_oIn ps2 (per me è troppo bella) parto e faccio qualche salto divertente e quando arrivo nel prato dove c’ era un fettucciato nell’ erba la bici inizia a in traversarsi…non riesco a controllarla ma la cosa mi diverte molto perché non ho il controllo del mezzo e in quei frangenti i veri bikers giocano, così provo anch’io.
Anche in questa speciale faccio l’assoluta, tutto sommato sono contento dato che mi sono allenato nelle condizioni peggiori, proprio quelle in cui devo migliorare…alla fine mi è andata bene, sono rimasto in piedi rischiando il giusto.
Concludo la gara 1° assoluto (la mia prima vittoria in una Superenduro!). Dopo la gara ho fatto ancora qualche discesa per allenamento…ho scaldato il motore per il prossimo appuntamento a Valloire, per l’EWS#3 di questo weekend! Sicuramente ci sarà da divertirsi, dovrò essere concentrato al massimo e non lasciare niente al caso, dovrò essere meticoloso anche nei particolari…se voglio crescere devo iniziare ad usare più la testa, voglio fare bene in questa gara…e poi il format francese è quello che più si adatta al mio stile di guida. Stay tuned!

10397044_10203416683052222_1218412466129369913_o

Commenta su Facebook

comments