0081

Nel percorso di avvicinamento alle gare di enduro che inizieranno a fine marzo, ho deciso di avventurarmi nella mia prima gara di xc, il Biciclando Trophy di Diano Marina. Mentre il nord Italia era sotto una bufera di neve – come spesso accade – il ponente ligure offriva un clima a sé stante. Percorso molto bello e particolarmente ritmico, tutto su single track ricco di brevissimi saliscendi.

Prima della gara incontro alcuni amici enduristi ed ex-enduristi venuti anche loro ad allenarsi per la imminente stagione, ma con ben altre ambizioni rispetto alle mie: su tutti Francesco Fregona e Giulio Valfrè.

Presente anche un altro “amico” delle gare di enduro: Denny Lupato, grande protagonista lo scorso anno all’’ultima Superenduro Pro di Finale Ligure con un eccellente 8° posto assoluto e vincitore della scorsa edizione del Biciclando Trophy.

Lo dico fin da subito: obiettivo dichiarato è non arrivare ultimo, come dicevo nella rubrica sull’allenamento io sono un “velocista da pianura” (fallito) non certo uno che può sostenere 1h e mezza a 170 battiti cardiaci di media…

Siamo un webmagazine gravity oriented, per cui inutile tediarvi con il racconto di una gara xc, sarò quindi breve: il percorso era di circa 6km, da ripetersi 4 volte; il primo giro, con partenza subito in salita (te pareva…) ghiaiata tengo botta, dall’inizio del secondo inizio a non spingere più sui pedali…troppo pochi i watt che riesco a imprimere sui pedali quando ho il cuore in gola…

continuo per inerzia venendo sfilato da tutti (ad un certo punto supero Rossi Inti – vittima di una foratura – forte rider di enduro da quest’anno con il team Biciclando Scott) e verso la fine del terzo giro vengo doppiato da Samuele Porro della squadra professionistica Silmax Cannondale e da Denny Lupato…che vergogna! Essendo stato doppiato mi fermano prima di iniziare il quarto ed ultimo giro in quanto dovevano partire la gara degli juniores…

Alla fine chiudo 60°/73 ma che sensazione di impotenza in questo tipo di gare! Almeno non sono arrivato ultimo…Però mi sono divertito parecchio, il percorso è molto bello ed inoltre ho avuto la fortuna di girare mentre in tutto in nord Italia imperversavano bufere di neve.

Vince la gara Samuele Porro con arrivo in volata su Denny Lupato vittima di una noia meccanica proprio sul più bello. Giulio Valfrè (ci manca la sua solare presenza alle enduro) chiude 5°, mentre Francesco Fregona (che da quest’anno correrà in enduro con Devinci Wilson per il Dream Team di Genova) si regala una prestazione super con un 15° posto assoluto e un 2° di categoria!!

 

 

Commenta su Facebook

comments