gravitalia_caldirola_2014_simone_medici_birra

Dopo un 2014 partito alla grande ma interrotto sul più bello da una caduta che lo ha tenuto lontano per un po’ dal cancelletto di partenza, nel 2015 ha piazzato la zampata del lupo su una delle tappe del circuito nazionale Gravitalia. Il 2016 lo ha iniziato a spasso per il Sudamerica per scoprire le bellezze locali, partecipare ad alcune gare locali e prepararsi alla stagione nell’emisfero nord. Il lupo Simone Medici è affamato!

pedroni_lion_simone_medici_2015_15

1) Quale è la novità più importante del tuo 2016?
Per quest’anno rimarrò ancora nel team Pedroni, quindi il cambiamento più importante sarà prendere la stagione in tranquillità, e pensare più a divertirsi.

2) Il tuo menù dell’anno cosa prevede?
Il piano sarà partecipare a tutte le tappe europee di World Cup e a quasi tutte le tappe di IXS European cup, oltre ovviamente al circuito nazionale Gravitalia.

3) Che obbiettivo ti sei dato per quest’anno?
Vincere il campionato italiano.

4) E quale invece il tuo sogno?
Entrare costantemente nei top50 di coppa del mondo.

5) Per raggiungerli, quanti km hai fatto per ora? Più strada o terra?
Non saprei dire quanti, ma una cosa è certa… la strada si usa solo per andare all’inizio del trail

6) Quante ore di palestra ti stai facendo?
Niente palestra quest’anno, solamente esercizi a corpo libero a casa e mountain bike. Low cost ed efficace

7) Cose strane o nuove che stai provando per arrivare pronto all’inizio della stagione?
Mi sto facendo le ossa in Sudamerica, terreni totalmente diversi da quelli europei e nuove tecniche da imparare per andare forte in queste piste.

8) Che musica stai ascoltando?

9) Che cosa stai mangiando?
Asado argentino e naturalmente pasta.

10) Quanti selfie hai fatto quest’inverno?
Solo un paio, ma sempre in compagnia.

gravitalia_spiazzi_2015_simone_medici

Seguite Simone su Faccialibro e Instagram e supportate i rider italiani!

Commenta su Facebook

comments