7963127352_5bf8b326d9_o

What a race!! Una Pro, ops, Sprint (ma la lunghezza e durezza della gara sono stati a mio avviso superiori a San Bartolomeo…) dura e tosta: senza dubbio la Sprint #5 di Monti della Tolfa è stata – fino ad ora – la gara sorpresa di questo anno, fantastica!

Le vacanze ormai sono finite, ma fortunatamente sono riuscito a tenermi un giorno libero per scendere a Tolfa il venerdì, mai successo in tre anni che gareggio…Con l’amico Davide mi trovo direttamente in albergo alle 12e30, dopo 5 lunghe e solitarie ore di macchina! Che sfacchinata! Mangiatina veloce e decidiamo di andare a provare la ps1 pedalando…la particolarità di Tolfa è che è su una collinona, per cui la ps1 parte in discesa. Dopo il primo pezzo di asfalto, scalinate e tornanti la ps si immette in un velocissimo ciottolato misto terra…così fino alla fine…con Davide ci guardiamo basiti, sarà mica tutta così di ciottolato e dritta? Risaliamo pertanto spingendo la bici e ci accorgiamo di aver saltato un bivio che immette in un tratto di bosco bello tecnico…no problem, lo riproviamo un po’ di volte, perché non è affatto banale…Decidiamo poi di andare a provare la ps4…altra peculiarità è che questa ps arriva praticamente a Tolfa, per cui la gara parte in discesa ed arriva in discesa! Pedaliamo il breve tratto da Tolfa all’imbocco della ps, e ci rendiamo conto che si tratta di un piccolo parco giochi: tranne un unico tratto tecnico, è tutta flow, con un tratto di sponde in un canale da urlo! Risaliamo pedalando, la riproviamo facendo bene attenzione a che linea scegliere per passare il tratto tecnico e ritenendoci sodisfatti torniamo all’albergo. Supercena e a nanna presto per ricaricare le pile…

Sabato mattina mi ritrovo con amici di Parma ed altri amici pimontesi in piazza, pronti per meccanizzare la ps2 e la ps3, dato che mi dicono che i trasferimenti pedalati sono biblici…ormai ho ceduto ai buoni propositi di inizio anno di non meccanizzare le ps, ma è anche vero che mi sto giocando la seconda piazza della classifica di categoria, per cui trasgredire mi costa meno…Riprovata la ps1, il furgone ci porta fino ad uno spiazzo, scendiamo e spingiamo un pochino fino alla ps2…voci mi dicono essere la più dura, lunga e tecnica delle quattro…in effetti è così, alterna tratti tecnici a tratti più guidati, con a condimento tanti rilanci e parti pedalate…proviamo le linee sui tratti più difficili e sul più tecnico buco…una rarità, ma effettivamente è pieno di lame di roccia…finita la ps2 (che si conclude con un bel rock garden semipianeggiante in cui scegliere le linea non è facile) andiamo all’imbocco della ps3: dopo due curve ci rendiamo conto che è davvero fantastica, tutta salti, curve in appoggio…il regno del flow! Purtroppo per ritornare al furgone c’è un bel tratto a spinta, temo che il caldo e la stanchezza in gara si faranno sentire.

Pranziamo veloce e riproviamo metà ps1 (scoprendo una nuova linea nel tratto nel bosco…c’è poco da fare, provare e riprovare con gente forte, serve eccome!) e ps2…su quest’ultima ribuco nello stesso passaggio, ma stavolta bozzo anche il cerchio, (azz!!): mai successo in vita mia di bucare due volte in un giorno! In gara dovrò stare attento, fatto a cannone si rischia di bucare, forse meglio farlo più lento e ponderare meglio la linea.  Ormai è pomeriggio inoltrato, dedichiamo una buona ora a rattoppare le bici malconce e poi via con doccia, cena e meritato riposo.

Race day: una bellissima giornata ci accoglie, la città sembra in festa per l’evento. Purtroppo gli iscritti sono pochi, forse spaventati dalla lunghezza e durezza della gara. Ho il numero 16, davanti a me ci sono i ragazzi della Transition bike: li ho visti girare, davvero forti (e non potrebbe essere altrimenti, lavorano e poi provano quello su cui lavorano…). Sono teso, devo fare punti per la classifica di categoria, ma sono anche eccitato. Ci siamo, è il mio turno: prima del pezzo di scale e tornanti c’è un lungo rettilineo di asfalto da fare a tutta…e così sia! Sparo tutto quello che ho, mi infilo col fiatone nei tornanti su scalini…faccio bene il tratto nel bosco e così così la parte su ciottolato che porta a fine ps…

Si parte in direzione ps2…il trasferimento è abbastanza lungo e il sole inizia a spingere…tuttavia arrivo ben in anticipo assieme ai “pro”…è di nuovo il mio turno, un rapido ripasso mentale dei passaggi e via! Passo indenne dal tratto che mi è costato due forature facendolo più piano che in prova…faccio benino il resto ma arrivato allo spiazzo in campo aperto “multilinea” mi perdo…lo temevo ed infatti canno la minea studiata il giorno prima…vado un po’ a caso finché non mi impunto su una sasso…cappottone…riparto, faccio bene l’ultimo tratto tecnico finale ma rimane il rammarico per l’errore… Dopo breve refill al ristoro (tutti ottimamente piazzati), parte ora il trasferimento più lungo, quello per la ps3…primo pezzo nel bosco, per poi immettersi in un bellissimo campo d’erba, da fare però metà a spinta…così, sotto il sol leone ed in questo scenario, mancherebbe solo un serpente a sonagli per sentirsi in qualche luogo desolato e sperduto in America. Bellissimo comunque! Dopo un altro lungo tratto su asfalto, arriviamo con largo anticipo all’agognato imbocco della ps3.

Parto tranquillo, pompo bene la prima parte flow di salti, pedalo dove c’è da pedale, insomma mi diverto! A spegnermi l’entusiasmo ci pensa però l’ultima curva secca, non me la ricordavo, per cui tiro dritto…raddrizzo la bici e concludo mestamente…non ci voleva, in ps2 e ps3 ho perso secondi preziosi…va bè, c’è ancora la ps4, che mi aggrada parecchio, darò tutto!!

Anche questo trasferimento è lunghino, ma sono in forma e non lo accuso, arrivando ancora con largo anticipo…Ci siamo, qui si decide la mia gara e la classifica di categoria…passo bene l’unico passaggio tecnico, godo come un riccio facendo il canalone di sponde e picchio a più non posso sui pedali nell’unico strappo in salita…sbuco dall’ultimo curva e do fondo alle ultime energie per arrivare alla fotocellula…è finita!!

Questa ps l’ho fatta davvero bene …alle fine ho fatto 10imo in ps1, 19esimo in ps2, 15esimo in ps3 e settimo (!) in ps4…chiudo 12° assoluto e 2° di categoria (mi ha battuta in designer di Transition bike…), guadagnandomi matematicamente il secondo posto di categoria in campionato ad una gara dal termine!! Sono felicissimo!

Gara vinta da Bruno, con passaggio stratosferico con tanto di tifo da stadio in ps4, 2° Ducci (sfortunato in ps4, dove ha stallonato quando aveva pochi secondi di svantaggio da Bruno…) e 3° Sottocornola (che ha provato le ps pedalando…).

Ora Supermountain di Pila, stay tuned!!

Commenta su Facebook

comments