superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps3

Mentre gli occhi del mondo delle ruote grasse erano puntati su Val di Sole per la tappa di coppa del mondo mountain bike, noi di WeekendWheels abbiamo dirottato verso Madesimo, sede il prossimo weekend della quarta Superenduro PRO 2013, ma soprattutto della gara che assegnerà il titolo di campione italiano enduro.

Ne abbiamo approfittato per fare un giro in bici e per un sopralluogo su quelle che saranno le PS della gara più importante dell’anno per gli enduristi nostrani. Il campione in carica Davide Sottocornola (DSB Cico Bikes NonSoloFango) dovrà difendersi dagli attacchi di Alex Lupato (Lapierre FRM), Manuel Ducci (Life Cycle), Andrea Bruno (Transition Ready2Ride) e Vittorio Gambirasio (GT 360 Degrees). Questi cinque sono i favoriti sulla carta, ma nulla vieta qualche incursione dalle retrovie.

Ma veniamo alle prove speciali. Al momento il programma di gara prevede 5 prove: il prologo del sabato nelle vie di Madesimo e la doppia ripetizione di due percorsi nel bike park di Madesimo, il Balloon e il Crestino. Il prologo verrà svelato ai rider solo il sabato. Per quello che riguarda i percorsi delle PS, al momento sono noti (salvo modifiche e fettucciamenti differenti dell’ultimo minuto) solo le sezioni discesistiche. Ognuna delle PS infatti avrà, come avvenuto per la tappa dello scorso anno, un bel tratto pedalato in mezzo ai prati prima di buttarsi nelle discese.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_carlo_gambirasio

Non avendo modo di tastare il tratto pedalato, abbiamo avuto però l’occasione di farci portare sulle discese da Carlo Gambirasio (Torpado Surfing Shop) che a bordo della sua Torpado Moab da 26 pollici (in attesa delle versione da 27,5) ha provato i percorsi. Vediamoli.

PS 1 e 3: Crestino
La partenza della ps la si raggiunge scendendo lungo la strada sterrat sulla destra dell’arrivo dell’ovovia Larici (guardando a monte). Dopo circa 300 metri, quando al strada curva dietro ad un casone bianco, si sale sulla destra in mezzo ad un boschetto. Da qui parte in single track in falso piano per circa 200 metri, prima di iniziare cone le curve e le radici in mezzo al bosco.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps1

Il terreno di questa PS è in pratica tutto naturale, nel senso che ben poco si vede il lavoro dell’uomo. E’ un terreno molto morbido, simile per certi aspetti a Val di Sole o, per chi le conoscesse, alla 2 o alla 7 di Pila.

E’ anche una PS insidiosa, soprattutto per i frequenti cambi di luce e per la quantità di radici e sassi nascosti dal terreno. Sarà veramente dura mantenere la velocità e non perdere secondi preziosi nei tratti più tortuosi.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps13_2

Occorrerà pedalare dove possibile, sulle passerelle, negli attraversamenti delle piste da sci e alla fine. Dopo la pedalata iniziale in partenza anche rimanere lucidi nei tratti impegnativi sarà arduo.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps3

Notevoli e gustosi i tratti di single track immersi nel bosco.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps13

A mettere un ciliegina sulla torta di questa PS i ripidi nel tratto finale e la scelta della linea. Anche in questo caso sarà interessante valutare come fettucceranno il tracciato.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps13_3

Vediamo Carlo come se l’è cavata:

Superenduro 2014: Pro 4 Madesimo Preview con Carlo Gambirasio from WeekendWheels on Vimeo.

PS 2 e 4: Balloon
La Balloon è una pista in puro stile bike park: curvoni con alte sponde, panettoni e gobbe da saltare o doppiare. Il tutto per un bel po’ di ritmo e, perchè no, divertimento e gas aperto.

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps2

Unico neo le numerose passerelle di legno: il giorno del sopralluogo erano senza retina matellica e, in caso di umido o bagnto, alcune in uscita di curva potrebbero risultare un ostacolo in più (come è successo pe ril ginocchio di chi scrive!). Ma forse è anche questo il suo bello:

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_ps4

Anche Carlo sembra divertirsi.

Superenduro 2014: Pro 4 Madesimo Preview 2 con Carlo Gambirasio from WeekendWheels on Vimeo.

Chiudiamo con una nota tecnica ed estetica sulla bici di Carlo: molto belli manubrio e pipa Kodex, marchio tedesco che supporta il Gamby, e sempre al massimo le ruote Novatec Diablo

superenduro_madesimo_pro_4_2013_preview_carlo_gambirasio_kodex

Commenta su Facebook

comments