polygon_united_ride_team_2014_reynolds_nicoll_giordanengo_caillet

Dal 2014 il team United Ride, che corre su biciclette Polygon, non sarà solo downhill. Ai fratelli Mick e Tracey Hannah, il team manager Fabien Cuisine affianca due rider nell’enduro e due rider per freeride e dirt jump.

polygon_united_ride_team_2014_reynolds_nicoll_giordanengo_caillet

Nell’enduro entrano il neozelandese Jamie Nicoll e il francese Aurelien Giordanengo. Il primo ha stupito tutti con la sue performance nell’Enduro World Series: un privato, che in sostanza ha corso con la propria bici upgradata da sponsor durante la stagione, che è stato davanti a più di un pro chiudendo la classifica all’ottavo posto finale. Per il 35enne kiwi è un bel modo per ripetere l’exploit nel 2014.

Aurelien Giordanengo molti se lo ricorderanno quando correva con Fabien Barel nel team di coppa del mondo Mondraker. Poi qualche infortunio grave lo ha tenuto fuori a lungo e negli ultimi due anni è rientrato, prima in downhill e poi full time in enduro, cercando la riscossa.

Sam Reynolds e Istvan Caillet completano il roster in mabito freeride, dirt e slope style. Reynolds lo abbiamo visto in Italia qualche anno fa ad una delle ultime Townhill di Bergamo e da anni cavalaca l’onda freeride slope style della scena britannica. Caillet è un giovane francese che viene dal mondo BMX e sta migrando al mondo mountain bike.

Con questo, il team United Ride mette un piede in ogni disciplina della mountain bike gravity.

Commenta su Facebook

comments