jake_lucas_shooting_big

Jake Lucas è un giovane, giovanissimo filmmaker australiano che, mentre da noi nel’emisfero nord è pieno inverno, nell’estate australiana sta producendo tantissimi video della scena locale, documentando le gare, i rider che vi prendono parte e i team più rappresentativi. Seguendo e gustando da un po’ il suo lavoro  abbiamo voluto saperne di più di questo 19enne della terra dei canguri. Lo abbiamo quindi contattato, ed ecco cosa ci racconta.

 

1.Prima di tutto, tre parole che conosci in italiano. ‘Pizza’ non è valida e, per favore, non usare Google ;).

3 words you know in Italian. Rules: pizza it’s not allowed and, please, don’t use google ;)

Tristemente solo ‘parli inglese?’ Mi piacerebbe darti di più, ma me la sono svangata alla grande parlando a gesti l’ultima volta che sono stato in Italia.
Sadly only ‘parli inglese?’ Wish I could tell you more, but hand gestures got me miles last time I was in Italy.

 

2. Quanti anni hai?

How old are you?

Ho 19 anni, nato il 13 luglio 1993, stesso giorno (e anno) di Troy Brosnan
I’m 19 years old, 13 July 1993, same day as Troy Brosnan

 

3. Da quanto tempo filmi?

Years shooting?

Questo è il sesto anno, ma i primi due non erano proprio da professionista.
Going on 6th year in 2013, but the first 2 years were hardly professional.

 

4. Come hai iniziato a filmare? Raccontaci come è andata.

How did you started shooting? tell us you story

Ho iniziato trastullandomi con la videocamera di mia mamma 7 anni fa, filmando piccoli salti e cosette che io e mio fratello costruivamo in giardino. Questi video non sono mai andati on line, all’epoca non avevamo un connessione a internet decente, essendo gente di campagna (non come con la vostra connessione, a me caricare un video mi avrebbe preso ore, non 5 minuti come in Italia!). Ad ogni modo, ho preso su senza troppo pensarci e ho deciso di filmare un po’ alle gare e di mettere i video on line. Con mia sorpresa la gente ha iniziato a gradirli e ad incoraggiarmi ma anche a darmi consigli su cose da non fare. Non ero male a girare in downhill, ma mancavo un po’ di risultati, mi veniva la tremarella in partenza. Risultati gare zero ma i video miglioravano. Alla fine un weekend ho lasciato la bici a casa e ho fatto solo video. Questa è stata la svolta, ho girato il mio miglior video di allora e l’anno successivo ho iniziato a filmare le gare locali. Mi sono comprato la mia prima videocamera e un treppiede decente e dopo un paio di gare, un fotografo ha iniziato a linkare i miei video sul suo sito, una cosa che all’epoca mi ha dato una bella botta di visibilità. Ho continuato a crescere e per l’anno successivo ho ottenuto un po’ di supporto dagli organizzatori delle serie locali e ho girato il mio primo DVD ‘Insight’. Poi, quando ho preso la mia prima camera DSLR mi sono davvero ritrovato nella parte (del filmmaker). Così l’anno dopo ho deciso di produrre qualche video per i team, in modo da acquistare nuovo equipaggiamento e coprire i costi del secondo DVD. Sono anche riuscito a realizzare un sogno nel cassetto filmando per Kona in 4 gare di coppa del mondo.

Started off just messing around with mums camera about 7 years ago, filming little jumps and things my brother and I had build in the back yard. These videos never really went online, we didn’t really have a solid internet connection back then, being country folk and all (unlike your internet over there, uploaded videos that would take me and hour in 5 minutes in Italy) Anyway, I kept it up, not really thinking much of it, and decided to do a bit of filming at a race, by this stage I managed to get some videos online, to my surprise people were getting pretty hyped on them, gave me some encouragement and some what not to do’s. My downhill raiding wasn’t too bad, but my racing lacked in the result department, got the jelly knees when I got in the start gate and never really produced a good race run. Skip forward a couple months and this poor racing form continued, but the videos improved. More encouragement prompted me to leave the bike at home one race weekend and dedicate my time to filming, this was the turning point, I produced my best video to date and decided the following year I’d ride in my own time and film our local series, I purchased my own camera and got a better tripod and it really took off. A couple races in and I had a photographer hosting my videos on his site, this was huge for back then. It kept growing, and the following series I got the hook up with some support from the series and did my first DVD Insight. That’s when I picked up a DSLR for the first time and really found my own with it. The next year I started doing some team videos to supplement equipment and DVD costs for the next year, this more recent season I’ve actually had enough work to get a secondary camera man working with me and doubled up on almost all my equipment making my job a bit easier to cope with the increased work load. Should also mention that I for filled a long time dream of heading over to the World cups and doing some videos for kona at the 4 races I attended, but more on that later.

 

5. Il tuo set up per filmare:

Your preferred set up (lens, camera, tripod, steady, etc)

Ora uso:

I currently rock:
2 x Canon 7D bodys
24 – 70 f/2.8 as my primary lens
70 – 200 f/4
16 – 35 f/2.8
50 f/1.8
Dakine camera bag
Gopro2 x 2 – soon to be Gopro3 black
2 x long range UHF’s
7 genuine canon batteries
Rode Video mic
Manfrotto mono pod
Various video head tripods
Proaim camera crane (very modified)
Proaim 2 foot and 4 foot slides
Fly cam 2000
Supporto per cavo fatto in casa Home made cable rig

Questa è la lista principale, poi ci sono tutti i kit per la pulizia e per la pioggia
That’s the jist of the main stuff, all general cleaning products and weather proofing stuff too.

6. Quale pensi sia il tuo miglior edit di sempre e perchè. Ovviamente può essere il migliore come risultato finale ma anche perchè quello che ti ha appsionate di più che racconta di una bella giornata di riding, di amici…

What you think is your best edit ever (you can add the link if there’s one) and why. I mean an edit can be great as it comes out, but even because it tells about a good day of riding, good friends…

Questa è tosta, sono piuttosto duri nei giudizi sui miei video e di solito so che sono ok se mi piacciono ancora nel momento in cui sono in giro da un po’ on line. Il mio ultimo showreel è davvero figo, mi ricorda dei bei momenti che ho vissuto recentemente e mi motiva un sacco. Ma se dovessi sceglierne uno, direi che il segmento di Jesse Beare in Insight 2 è il migliore. Jesse è davvero un grande che ci ha messo il 110% nel mio progetto, totalmente a disposizione per gli altri e questo credo si rifletta nel video. Vorrei anche fare gli auguri a Jesse, la sua schiena è un po’ ammaccata al momento, non vedo l’ora di rivederlo al 100%.

That’s a hard one, I’m pretty hard on all my videos and generally I know they are alright if I still enjoy them by the time they are online. My latest Showreel is pretty rad, reminds me of all the good times I’ve had recently and keeps me motivated. But as a one off filming session I’d have to say Jesse Beare’s Section from Insight2 was the best, really good guy Jesse that put 110% into my project, didn’t mind recking himself for others, people like him are rare to find and I think it reflects in the video.
I’d also like give Jesse a get well, his backs a bit knackered at the moment, would be great if it healed up 100% and saw him back up to his normal 110% pace.

Insight2 – Jesse Beare from Jake Lucas on Vimeo.

 

7. Hai girato con molti rider, quale è il migliore con cui avere a che fare e perchè.

You’ve shot with many riders, who’s the best one to deal with while filming and why.

Dean Lucas, mio fratello (e rider del team Kona, ndr), è così facile lavorare con lui… Nah, non è vero, l’obiettivo di Dean quando filma sembra essere rendere il tutto il più faticoso possibile, sembra che ci divertiamo un sacco ma in realtà ci scanniamo! Probabilmente Jesse Deare rimane la persona con cui riesci a fare bene la cosa perchè ci mette il 110% nel riding, nella determinazione e nell’atteggiamento. Rhys Atkinson potrebbe essere il secondo, sempre al massimo, è uno che corre mentre risale la collina per velocizzare il tutto. Una cosa che ho imparato da tutti i rider è che questi non hanno voglia di passare ore a spingere la bici su e giù dalla montagna, per questo cerco di rendere il tutto meno faticoso per loro e faccio in modo da essere sempre io scendere in basso ad aspettarli piuttosto che dover essere loro a risalire.
Prendi questo video di Joey Vejvoda che ho girato pochi giorni fa. E’ stato girato in 5 ore e dopo due ore di editing era già on line. Una cosa del genere fa felice il rider ed è meglio così piuttosto che sentirsi dire ‘ah devo girare con te, dovrò salire 50 volte per rifare sempre un’unico spezzone’.

Dean Lucas (my brother), it’s just so easy working with him… Nah, Dean’s life goal when filming with him seems to be to make it as painful as possible, feel like we’re banging heads the whole time, but we struggle along and get it sorted out.
The best one to deal with would probably have to be Jesse Beare once again, as before mentioned, 110% in riding, commitment and attitude. Rhys Atkinson would be a close second, always amped on it, seen him jog up the hill before to speed the process up. But real thing I’ve learnt from filming with all these riders is that not all of them want to be spending hours and hours pushing up hills, so I try and make it as painless for them as possible and not have them spending half the day pushing their bikes up hills and try and plan it so I’ve moving down rather then them going back up.
Take this Joey Vejvoda video I filmed last friday for example That video was filmed under 5 hours and edited and online with in the following 2. This keeps the riders happy and ensures positive things are said rather than “ahh stuff filming with you, I’ll have to push up the hill 50 times and do a section over and over”

 

8. Negli ultimi due mesi hai probabilmente editato più video di quelli che si vedono in un’intera stagione di coppa del mondo, come hai fatto? Quanti Jake Lucas ci sono lì?
These last couple of months you’ve edited probably more videos than an entire wc season, how could you do that? How many JLs are there?

Si questi ultimi due mesi sono stati abbastanza movimentati, credo alla gente piaccia quelle che vede e sono stato contattato da un sacco di clienti, qualcuno dall’inizio e altri all’ultimo momento, per il fatto che altri (filmmaker) hanno tirato il freno. Ma comunque ci sto provando e ho tirato dentro altri ragazzi il cui lavoro costa meno, ma per pagarli devi comunque aumentare il lavoro, per cui alla fine ho tirato fuori più video di quelli previsti all’inizio. Questo comporta molto lavoro durante i weekend. Lavoro che sta diventando davvero tale, che mi piace, ma mi porta ad essere il primo sul tracciato e l’ultimo ad andarsene per avere tutti i segmenti che mi servono. Ho un secondo uomo che mi aiuta, ma all’ultima gara non c’era e ho dovuto rifare i conti su cosa vuol dire essere da soli. Ringrazio Clint White, del team CWR Avid Zerode, che ha preso la mia seconda camera e ha filmato qualifiche e finali a metà percorso, così da permettermi di girare l’arrivo.

Yeah, the last coupe months have been pretty hectic, I guess people like what they see and I was approached by a heap of clients, some early, and some last minute, due to others pulling the pin. But i try and hook up buddies with cheap prices on their videos and this made me need more work to cover costs etc, so I ended up doing many more videos than originally intended. This resulting in a lot of work on a race weekend, and it’s really become work, I still enjoy it, but I need to be first person on the track then the last one off it it ensure I get all the shots I need / can get, sure some riders do sections with me during the weekend, but they aren’t all up for that, and I don’t want to be seen as a pain in the arse and make them do it if they don’t want to, so I just roll with it and get what I can, as I said, I’ve had a second man at most of them now and it certainly helps, but I got a taste of the real world again when I didn’t have him at the last two. Would like to Give Clint White from CWR Avid Zerode team, he picked up my secondary camera at the last race and filmed qualifying and finals at one of the more interesting parts of the track allowing me to cover the bottom for finals.

9. Ora un paio di domande sulla scena australiana. Primo: il tuo paese è piatto, ok ci sono montagne ad ovest, ma rispetto all’Europa è piatto. Perchè Sam Hill, Troy Brosnan, Chris Kovarik o Jared Graves (e in generale i rider australiani) dominano la scena gravity mondiale? E’ per il cibo, la birra, gli animali o che altro?

A couple of questions about the aussie scene. First: you country is quite flat, ok there are some mountains in the west, but it’s flat if compared to Europe or us. Why Sam Hill, Troy Brosnan, Kovarik or Jared Graves (and aussies in general) are ruling mtb gravity world? Tt’s because of food, beer, animals or what?

Deve essere qualcosa che ha a che fare con il vivere in un paese piatto. Alla fine devono imparare a mantenere la velocità dove possono, voi fortunati europei potete fiondarvi giù senza freni come i lemming (vi ricordate il pifferaio magico e il videogame?, ndr), mentre qui dobbiamo generare velocità scendendo dalle montagnete dei formicai… Nah, non saprei dire, dovrei passare più tempo da voi per capire davvero le differenze. Sai com’è, dobbiamo fare un bel viaggio per arrivare a voi, 16 ore da entrambe la parti (USA o Europa), meglio fare in modo che ne valga la pena.

It must be something to do with it being so flat hey, they have to learn to get speed where they can, you lucky euros can just bomb down with the brakes off lemming style, where as we have to generate speed of small ant mounds etc.
Nah, but I can’t really say, I’d have to spend some more time over your way to really realise the differences. You know, we’ve traveled a long way to get over there, 16 hour flights both ways, better make it worth while and pin it.

10. Seconda cosa: il 2013 vedrà l’exploit dell’enduro, come viene vissuta la cosa in Australia?

Second: 2013 is seeing the exploit of enduro, what are the feelings about that in australia?

E’ fantastico. Hey, il nostro eroe locale Ben Watkins, l’uomo internazionale del mistero, ha dato il via alle Alpine Elevation Series. Ha appena iniziato con la sua società e con il circuito, ma sta davvero spaccando. E’ un circuito davvero interessante, i partecipanti non sono ancora tantissimi, credo siano stati 130 all’ultima tappa, ma tutti si sono divertiti. I percorsi hanno qualche sezione downhill e sono stati fatti in modo che la risalita non sia spacca gambe. Credo avranno successo perchè tutti possono partecipare senza sentirsi addosso la pressione di una competizione nazionale. Ok non diventerà un mega circuito, ma ognuno può prendervi parte con una bici da 500 dollari e divertirsi sui percorsi che comunque sono ok per la maggior parte delle bici. Ci sono miei amici che le fanno con la bici da downhill e se la viaggiano, ci sono anche i signori dell’XC con le loro 29 pollici che scendono incredibilmente veloci, è una cosa veramente versatile, ma la cosa principale è che porta un gruppo di persone diverse a girare insieme per un weekend.

It’s great hey, our local Hero Ben Watkins, international man of mystery, Started the Alpine Elevation series, he’s only just really getting his company and series started but he’s killing it already, it’s just an awesome series, where the entries aren’t too huge yet, got 130 odd riders at the last one I think, and everyone had a blast, tracks have some great fun downhill section and he’s built them so the up hill isn’t as killer as you might think, your generally fairly moving into the climbs so you carry heaps of speed and aren’t working too hard. I think they are really taking off because it’s so fun and laid back, it’s not become one of those super series series yet so anyone can go and enjoy it and not feel the pressure some get at a National level race. I think it’s also taking off because anyone can have a crack at it, you can rock up on a basic $500 bike and still enjoy it because the tracks are pretty well suited to most bikes. I’ve had mates race their downhill bikes and still kill it, the 29″ xc lords get out there and shred the downhill too surprisingly fast too, it’s very versatile, but the main thing is it brings a rad group of people together to have an amazing weekend on the bikes.

 

11. In questo momenti sembri un monopolista della produzione video della scena downhill australiana, ti vedremo in giro per il mondo nel 2013?

You’re looking like a sort of monopolist of Australian downhill (and more) videos, are we going to see you around the world in 2013?

Hahaha, almeno in questo circuito invernale sembra un po’ così, L’anno scroso c’erano un mucchio di filmmaker alle tappe nazionali, gente come Sean Anderson, Liam Renaut, Ty Bowmaker, ma per varie ragione nessuno di loro è venuto alla prima tappa, tranne Joe Killen e altri nuovi volti. Sulle Victorian Downhill Series, come hai detto, ho avuto un po’ il monopolio della cosa, filmando tutti i video dei team che hai visto, ma ci sono un po’ di ragazzi che hanno lasciato la bici e stanno iniziando a filmare. Sembrano me all’inizio e per questo gli auguro il meglio.
Per quello che riguarda l’andare in giro per il mondo, si ci starei dentro in questo momento, ma devo anche fare i conti con altro. Sto iniziando la mia vita via di casa, sto costruendo un capannone per un mio progetto con le macchine e mettendo su un ufficio per i clienti. Avere 19 anni complica le cose: bisogna essere 21enni per avere patente internazionale e noleggiare macchine. Dopo aver fatto 4 tappe l’anno scorso e aver visto quanto è difficile ottenere un pass media e quanto poco pagano i team, è un po’ dura. Stiamo capendo con un paio di rider che sono passati elite quest’anno se non vale la pena fare una crew nostra che va in giro a girare e filmare, magari con un papà che ci porta guida la macchina, sarebbe grandioso riuscire a farlo.
L’altro alto della medaglia è che dopo l’ultimo trip in giro a filmare, quando sono tornato a casa non ho fatto altro che montare i video, senza una pausa di mezzo. Questo mi ha fatto quasi mollare il colpo. Non lo farò, ma questa è una cosa che tengo a mente. Non sono il tipo che si farà stagione dopo stagione di coppa del mondo, ma quest’anno mi piacerebbe andarci, o almeno a due tappe e ai mondiali per vedere gli australiani spaccare.

Hahaha, feels a bit like it this series at least, last season there were a heap of us videos guys getting around to the nationals, Sean Anderson, Liam Renaut, Ty Bowmaker but for one reason or another none made it to the first round other than Joe Killen and new up and comer. Bowmaker will be back for the rest of them I’m pretty curtain, but as far as Anderson goes (moved to Sydney from Adelaide) and Renaut I couldn’t tell you at this stage. The Victoria series as you say, I’ve got a bit of a monopoly on it, doing all the team videos you see, there are two other fellas having a bike of a crack doing their own thing which is great too see, that’s how I started out and I wish all the best to them.
As far as seeing me around the world goes, at this stage yeah, I’m really up for it, but it’s a bit of a struggle, I’m starting to get my personal life set up over here, building a shed for my multiple car project and getting an office set up for clients. Being 19 also makes it hard, need to be 21 for an international drivers licence / to hire cars etc. Coming off the 4 rounds I did last year and seeing how hard it is to get a media pass and how little teams want to pay you for your work it’s hard. There are a couple second year juniors from last year that are now first year elite that want to go over again, and we just had the idea that we could get a crew of us together and get someones dad to drive us around so we can go over again, it’s such an amazing experience and I’d like to keep doing it while I can. However, the flip side of this was when I came back from the last OS trip I was right back into the filming and editing and didn’t really have a brake, this made me a little nervous that I’d burn out on it, I haven’t so far, but I’ve got that in the back of my mind, I don’t think I’ll be the fella doing season after season of the world cups, but I’d defiantly like to go to the coming season, or at least to 2 round and champs to watch the aussies shred over there.

12. Verrai presto in Italia o in Europa?

Are you coming to Italy soon? Europe at least

E’ nei piani. Sto pensando di rifare la tappa di Val di Sole, l’anno scorsao è stata fantastica e mi piacerebbe esserci, ma come ho detto, nessuna promessa per ora. Farò quello che posso per venire li, ma è tutto, a meno che non vuoi contribuire al biglietto aereo ;)

That’s on the cards, I was considering going to the round at Val Di Sole again, after last year being so amazing I’d be up for it again, but as I said, no promises yet, will do what I can to get there, but that’s all I can do, unless you want to put your hand up for the plane ticket ;)

 

13. Per ultimo, quello che tutti qui in questo emisfero vogliono sapere: l’acqua del water gira al contrario in Australia?

Last what everyone in this emisphere wants to know: does water go other way in Australia?

In senso anti orario, appena controllato
Anti-clockwise, just checked it.

Commenta su Facebook

comments