megavalanche_2012_2

Questa è la Semaine de la Mega, la settimana della Megavalanche dell’Alpe d’Huez. Appuntamento arrivato alla sua 18esima edizione e che offre una delle gare di mountain bike più spettacolari e partecipate (2.000 iscritti) del mondo gravity.

Questa mattina un emissario di WeekendWheels è partito da Milano per la seconda partecipazione alla Mega. Dopo il 14esimo posto finale nella Mega Amateur dell’anno scorso, quest’anno l’obiettivo minimo è quello di entrare nella Mega Challenger. Forza Michele!

La gara si svolge sostanzialmente su due prove per tutti: le qualifiche del venerdì e la gara, la Mega il sabato o la domenica.

Le qualifiche si svolgono su un percorso ‘ridotto’ di soli 23km circa, dall’arrivo della funivia sopra il Lac Blanc a poco sotto il villaggio dell’Alpe d’Huez. Il tracciato varia da passaggi su roccia viva all’inizio, per arrivare ad un bel sabbione ghiaioso nel finale. I concorrenti sono divisi in 10 vagues (batterie) da duecento rider l’una.

Michele ha già fatto un primo giro di prova del percorso delle qualifiche, ecco il suo commento lapidario:
“Arrivato e fatto giro con Lupato (Alex, ndr)..qualifica uguale il percorso ma molto più scavata…le braccia ringraziano…ora mangio poi faccio un altro giro…”
Le qualifiche sono rimaste invariate.

I primi 35 di ogni vague partecipano alla Mega vera e propria la domenica mattina alle 8.30, dal 35esimo al 70esimo partecipa alla Mega Challenger del sabato mattina, dal 71esimo al 105esimo prendono parte alla Mega Amateur che parte dopo la Mega la domenica. Infine, tutti gli arrivati volte il 105esimo possono comunque gareggiare, ma senza partenza di massa, grazie alla Mega Affinity. Quest’ultima cosa è veramente apprezzabile: tutti i partecipanti possono competere dall’inizio alla fine, indipendentemente dal risultato nella qualifica.

33km sono poi i chilometri di lunghezza del percorso della Mega. Partendo ai 3300 metri del Pic Blanc ci si butta, per una picchiata di 2500 di dislivello, su Allemont, traguardo della gara.

L’anno scorso ha vinto Remy Absalon, in poco più di 42 minuti (!), davanti a Jerome Clementz, Renè Wildhaber, Nicolas Vouilloz e Karim Amour.

Il tempo dei due baldi eroi 1.01.54 Michele e 1.12.32 Matteo.

Intento che aspettiamo qualche report e video che MIchele proverà a inviare in questi giorni, riviviamo con nostalgia la Mega 2011.

Commenta su Facebook

comments