sestri_coppa_italia_enduro_2015_mangusta_proto_enduro

Alla prima tappa di Coppa Italia abbiamo intercettato Nicola Devodier (Gravity Games) che ha portato a Sestri Levante un interessante prototipo Mangusta.

sestri_coppa_italia_enduro_2015_mangusta_proto_enduro

Per chi segue Gravitalia, Mangusta è un marchio che da anni è portato in gara da più di un atleta, che sia del team ufficiale, come nel caso di Eleonora Farina e Dennis Tondin, o un singolo privato. Il telaio più conosciuto è probabilmente il Cobra, un telaio downhill con monocross assistito (DLS, dual link suspension).

Questo prototipo da enduro segna in primis un cambiamento estetico, con un triangolo anteriore decisamente definito.

sestri_coppa_italia_enduro_2015_mangusta_proto_enduro_3

Il carro è un pezzo unico, saldato, collegato all’ammo da un sistema di bielle.

sestri_coppa_italia_enduro_2015_mangusta_proto_enduro_4

Le bielle sono ancora in fase di sviluppo. La versione montata da Devodier a Sestri, come lui stesso ci ha indicato, è ottima in pedalata, molto stabile ma probabilmente un po’ nervosa in discesa.

sestri_coppa_italia_enduro_2015_mangusta_proto_enduro_2

Essendo un prototipo, c’è poco da dire oltre al lato estetico e al riportare le parole di chi la sta provando con mano. Ma siamo decisamente contenti di vedere un altro marchio artigianale italiano lavorare su un nuovo progetto. Attendiamo quindi di vederne l’evoluzione.

sestri_coppa_italia_enduro_2015_mangusta_proto_enduro_5

Commenta su Facebook

comments